Raffaele Sarnataro

Secondo Convegno “Didattica delle Scienze”

 Eventi  Commenti disabilitati su Secondo Convegno “Didattica delle Scienze”
Dic 142017
 

Si svolgerà a Potenza  il 23 e 24 febbraio 2018  il secondo Convegno di Didattica delle Scienze, dal titolo:

La transizione dalla secondaria di 1° grado a quella di 2° grado nell’insegnamento delle scienze. I colori , un percorso possibile”  (locandina)

Il convegno è rivolto in particolare ai docenti di scienze della scuola secondaria di primo grado e del biennio della secondaria di secondo grado

I principali obiettivi dell’iniziativa sono: 

  •  analizzare la discontinuità nell’insegnamento delle scienze  nel passaggio dalla scuola secondaria di 1° a quella di 2° grado e proporre percorsi e strategie didattiche per superarla
  • riflettere  sulle problematiche psico-pedagogiche dei ragazzi nelle fasce d’età 11-14 e 14- 16
  •  sottolineare l’unitarietà della scienza (chimica, biologia, scienze naturali, geologia, fisica)  attraverso la presentazione del percorso tematico  “I colori”, l’organizzazione di laboratori e gruppi di lavoro, la ricerca del filo conduttore nella trasversalità delle scienze e del loro insegnamento.

Le iscrizioni scadono il 25 gennaio, per la la segreteria organizzativa rivolgersi a Irene Donnoli  iredon72@gmail.com, altre informazioni e programma nella brochure.

Scarica la Scheda di adesione al convegno Didattica delle scienze 2018.

EDUARTIC

 Didattica & Progetti, Eventi  Commenti disabilitati su EDUARTIC
Dic 092017
 

EDUARTIC

Lezione online in Italiano “Gli animali più strani dell’Artico
il 14 Dicembre alle 10.00 https://edu-arctic.eu/program/lessons/221
Edu-artic è un progetto europeo che utilizza la ricerca sull’artico come strumento per rafforzare i programmi di istruzione scientifica in tutta Europa: si rivolge a tutti gli insegnanti e agli studenti europei nelle fascia di età 13-20 anni.

Il progetto è costituito da cinque componenti:
1. Lezioni online: lezioni virtuali dalle stazioni di ricerca artica a cui si può partecipare iscrivendosi al sito.
Affrontano argomenti scientifici attuali, illustrano i progetti di ricerca polare focalizzando il perché questa ricerca è fondamentale per aiutare a risolvere importanti problemi nella società. Il contenuto di ogni webinar può essere adattato in base ai diversi p programmi della propria regione o paese.
2. Polarpedia: un’enciclopedia online in continua evoluzione che contiene un glossario di termini scientifici e risorse didattiche in almeno cinque lingue europee.
3. Competizioni per studenti europei e insegnanti: il gruppo vincente sarà in grado di partecipare in prima persona alla ricerca polare nell’Artico.
4. Programma di monitoraggio ambientale “Citizen science”: Tutte le scuole in Europa sono invitate a partecipare ad un programma di monitoraggio ambientale del territorio vicino alla loro scuola. I dati raccolti sono disponibili su un portale web che consente alle scuole interessate di registrare e inviare i propri dati a un database aperto e accessibile. Il database può essere utilizzato nella didattica delle scienze, in particolare in biologia, chimica, fisica e matematica.
5. Workshop e sessioni di formazione per gli insegnanti con lo scopo di fornire ai docenti strumenti per utilizzare al meglio le risorse EDU-ARCTIC e diventare ambasciatori del progetto nei loro paesi d’origine.

Per saperne di più
https://edu-arctic.eu/

Wiki Science competition

 Eventi  Commenti disabilitati su Wiki Science competition
Dic 022017
 

Wiki Science competition

Fotografa persone dedite alla scienza. Spazia dall’archeologia alla vulcanologia, dalla zoologia alla chimica organica… Si possono caricare immagini prodotte con ausilio di microscopia ottica, elettronica o a scansione di sonda, ma anche file audio, video e immagini generate al computer oppure set di immagini. Puoi anche caricare uno scatto già realizzato in passato!

L’Italia quest’anno parteciperà a Wiki Science Competition 2017 (WSC) per la prima volta come paese con una propria giuria nazionale, grazie al supporto organizzativo di VIS – Virtual Immersion in Science, la piattaforma multidisciplinare di outreach e divulgazione scientifica della Scuola Normale Superiore di Pisa.
A partire dal 15 novembre è iniziato anche in Italia il caricamento delle foto nell’ambito del prossimo concorso fotografico Wiki Science Competition. L’Italia si accoda alla maggior parte dei paesi del mondo che hanno già iniziato il primo del mese, assieme a Australia, Arabia Saudita, Georgia, Nuova Zelanda, Thailandia e Taiwan, che hanno invece anche loro iniziato lo scorso mercoledì; solo in Africa il concorso si terrà a dicembre e non è ancora partito.

L’iniziativa terminerà il 15 dicembre in Italia, Russia e in buona parte dell’Asia, mentre nella maggioranza dei paesi europei e americani finirà il 30 novembre.

L’Italia avrà anche una giuria nazionale come alcuni paesi, con premi specifici, ma tutto il mondo potrà prendere parte.

Fra le personalità più in vista nel concorso internazionale si segnalano nel comitato accademico i professori Martin Haase dell’Università Otto-Friedrich di Bamberga e Jennifer Tucker della Wesleyan University, mentre fra i giurati il professor Gianni Ciofani dell’Istituto Italiano di Tecnologia e del Politecnico di Torino, il professor Roderic D. M. Page dell’Università di Glasgow e l’artista fotografo e scultore belga Dominique Stroobant.

Per maggiori info:
Locandina Wiki Science Competition
http://www.wikisciencecompetition.org/
https://it.wikinews.org/wiki/Wiki_Science_Competition_%C3%A8_iniziato_anche_in_Italia
https://commons.wikimedia.org/wiki/Commons:Wiki_Science_Competition_2017_in_Italy

Progetto “I Fuoriclasse della Scuola” a.s. 2016/2017

 Area Studenti, Eccellenze, News, Olimpiadi & Giochi, Olimpiadi delle Scienze Naturali  Commenti disabilitati su Progetto “I Fuoriclasse della Scuola” a.s. 2016/2017
Nov 152017
 

Progetto “I Fuoriclasse della Scuola” a.s.2016/2017

Il 7 novembre 2017 si è tenuta la cerimonia di premiazione del Progetto “I Fuoriclasse della scuola” presso l’Associazione Bancaria Italiana a Roma.

Il Progetto, previsto dal Protocollo d’intesa siglato nel 2016 tra il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur) e la Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio (Feduf), premia i giovani talenti attraverso il contributo di donazioni da parte di fondazioni, associazioni, società e da parte di singoli cittadini.

Gli studenti premiati hanno ricevuto una borsa di studio in denaro e hanno partecipato al Campus sull’educazione finanziaria presso il Museo del Risparmio di Torino.

Per le Olimpiadi di Scienze Naturali sono state assegnate 2 borse di studio ai seguenti studenti:

Mariastella Cascone – Liceo Galilei di Catania – Sostenitore: Almo Collegio Borromeo
Samuele Rosso – Liceo Bodoni di Saluzzo (Cuneo) – Sostenitore: Global Thinking Foundation

L’elenco degli studenti è pubblicato sul sito dedicato al progetto: http://www.fuoriclassedellascuola.it/vincitori-2017/

L’indagine OCSE PISA definisce il benessere degli studenti

 @nisninforma, La nuova scuola  Commenti disabilitati su L’indagine OCSE PISA definisce il benessere degli studenti
Nov 152017
 

L’indagine OCSE PISA definisce il benessere degli studenti

Ogni tre anni l’OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) conduce un’indagine denominata PISA (Programme for International Student Assessment), sui quindicenni di diversi paesi  del mondo per valutare se, alla fine del percorso scolastico obbligatorio, hanno acquisito le conoscenze e le competenze necessarie per una piena partecipazione alla vita delle società attuali. Quella del 2015 è la sesta edizione e ha l’obiettivo di misurare le competenze degli studenti in matematica, scienze, lettura e problem solving collaborativo.   

40 000 studenti hanno completato l’indagine nel 2015 in rappresentanza dei quindicenni  nei 72 paesi che hanno partecipato all’indagine.

Nel terzo volume dell’indagine del 2015 viene affrontato il  problema del “benessere degli studenti” cioè le capacità e le abilità  psicologiche, sociali, cognitive e fisiche che gli studenti necessitano per vivere una vita piena e felice. Il benessere degli studenti è collegato alla qualità della loro vita ed è uno stato dinamico: senza un investimento di risorse sufficiente per sviluppare le proprie capacità nel presente è improbabile che gli studenti possano godere da adulti di una vita “felice”.

L’indagine considera le quattro dimensioni del benessere, psicologica, sociale, cognitiva e fisica, mettendole  in relazione tra di loro e, in ultima analisi, con la qualità della vita degli studenti, esaminando: i risultati scolastici, le relazioni con gli insegnanti e con i pari, la vita domestica  e l’uso del tempo libero al di fuori dalla scuola

Le quattro aree sono suddivise a loro volta in parti, oggetto di strumenti specifici di indagine.

Alla domanda di giudicare la qualità della propria vita in una scala da 0 (pessima) a 10 (ottima) la media nei paesi OCSE  si è attestata sul livello 7,3, cioè la maggioranza è soddisfatta della propria vita. Per quanto riguarda l’Italia, siamo al di sotto della media con un punteggio di  6,8. Grandi sono le differenze nei diversi paesi del mondo: ad esempio il 4% degli studenti olandesi si dichiara insoddisfatto della propria vita, contro  un abbondante 20% degli studenti coreani e turchi.

In Costa Rica, Repubblica Dominicana e in Messico uno studente su due si dichiara insoddisfatto, le differenze possono essere legate a fattori culturali e/o al linguaggio.

Ma perché nei diversi paesi un numero non esiguo si dichiara comunque insoddisfatto?

Il genere fa la differenza: in media solo il 29% delle ragazze si dichiara molto soddisfatta contro il  39% dei ragazzi. Il legame tra soddisfazione e  “andare bene a scuola” è debole: nella maggior parte  dei paesi gli studenti  più bravi (quelli al  10% più alto di prestazioni) e quelli più scarsi (al  10% più in basso) dichiarano livelli di soddisfazione simili.

 (Figure III.3.3).

Ogni realtà educativa  ha un suo clima e  non esiste una ricetta universale per fare di una scuola una “scuola felice”, tuttavia le scuole, in cui gli studenti presentano un maggior grado di soddisfazione, hanno in comune le seguenti caratteristiche:

  • attività disciplinari impegnative;
    • ordine e disciplina;
    • coinvolgimento dei genitori;
    • cura, rispetto e fiducia negli studenti;
    • una relazione positiva tra studenti e insegnanti;
    • equità

In Italia, ad esempio, le scuole i cui studenti si ritengono maggiormente soddisfatti della vita sono caratterizzate da un buon clima di disciplina e dalla percezione, da parte degli studenti, che gli insegnanti delle materie scientifiche si interessano all’apprendimento di ciascuno studente e aiutano gli studenti nell’apprendimento.

In generale gli studenti riferiscono di provare un minor livello di ansietà se l’insegnante adatta la lezione ai bisogni alle conoscenze della classe.

Nel  2018 si svolgerà la settima edizione di PISA 2018 che coinvolgerà più di 80 Paesi.

Per saperne di più:

 www.pisa.oecd.org

 

http://www.invalsi.it/invalsi/ri/pisa2015.php?page=pisa2015_it_01

 

https://www.oecd.org/pisa/PISA2015-Students-Well-being-Country-note-Italy-Italian.pdf

https://adiscuola.it/pubblicazioni/il-benessere-degli-studenti-in-pisa-2015/

http://online.scuola.zanichelli.it/sadavabiologia/files/2010/09/Sadava_Biologia_Verifica_Competenze_B.pdf

http://www.invalsi.it/invalsi/doc_evidenza/2016/061216/Sintesi_Indagine_PISA2015.pdf

http://www.scienze.scuole.vda.it/index.php/ocse-pisa

https://www.oecd.org/pisa/

Gli insegnanti della classe di concorso A-50 non possono più insegnare geografia negli istituti tecnici e professionali

 @nisninforma, La nuova scuola  Commenti disabilitati su Gli insegnanti della classe di concorso A-50 non possono più insegnare geografia negli istituti tecnici e professionali
Nov 152017
 

Aggiornamento: ringraziamo la prof.ssa Colomba Rosaspina per averci stimolato a indagare ulteriormente e verificare che la sentenza di cui al presente articolo, sebbene pubblicata a ottobre di quest’anno, risale in realtà a febbraio 2017 e quindi si riferisce alla normativa precedente a quella attualmente in vigore: il DM 259 del 9 maggio 2017, infatti, stabilisce che i docenti della A-50 possono continuare a insegnare Geografia negli Istituti Tecnici (settore Tecnologico e settore Economico, indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing) e Professionali (settore Servizi, indirizzo Servizi Commerciali), anche se solo “ad esaurimento limitatamente alla salvaguardia della titolarità nel limite del contingente orario costitutivo della cattedra. Secondo lo stesso decreto, inoltre, i docenti della A-12 (ex 50/A) possono insegnare Storia e Geografia nel primo biennio dei Licei Artistici, Linguistici, Musicali, Scientifici – opzione Scienze Applicate, delle Scienze Umane (inclusa l’opzione Economico-sociale) e Sportivi; per i Licei Scientifici, invece, i docenti A-12 possono insegnare Storia e Geografia nel primo biennio solo ad esaurimento.

Vedi anche: Geografia, ci sono anche i biologi e geologi della 60/A


La riforma delle classi di concorso, avvenuta un anno e mezzo fa con l’entrata in vigore della Buona scuola consentiva agli abilitati delle classi di concorso A-50 (Scienze naturali, chimiche e biologiche) e A- 12 (Lettere negli istituti di istruzione secondaria di II grado) di insegnare anche la geografia negli istituti tecnici e professionali “pur in assenza di requisiti e abilitazione”: così stabiliva  il decreto direttoriale 414/2016 sulla costituzione degli organici. I docenti di Geografia si sono rivolti al TAR Lazio per escludere da tale insegnamento i colleghi di Italiano e Scienze non in possesso di abilitazione per Geografia: il TAR con la sentenza 10289/2017 ha dato loro ragione.

L’Amministrazione è stata condannata alle spese di giudizio per un totale di 1.500 euro.

Per saperne di più

https://www.orizzontescuola.it/nuove-classi-di-concorso-docenti-di-lettere-e-scienze-non-hanno-diritto-a-insegnare-geografia-negli-istituti-tecnici-e-professionali-la-sentenza/
http://www.repubblica.it/scuola/2017/11/07/news/la_geografia_insegnata_da_professori_qualificati-180456071/
http://www.oggiscuola.com/web/2017/10/14/nuove-classi-concorso-docenti-lettere-scienze-non-possono-piu-insegnare-geografia-la-sentenza/

Didattica interdisciplinare e nuove tecnologie per un futuro sostenibile

 Dalle sezioni, Didattica & Progetti  Commenti disabilitati su Didattica interdisciplinare e nuove tecnologie per un futuro sostenibile
Nov 152017
 

Didattica interdisciplinare e nuove tecnologie per un futuro sostenibile

Si terrà a Napoli il corso “Didattica interdisciplinare e nuove tecnologie per un futuro sostenibile”, realizzato nell’ambito del progetto europeo SAME World www.sameworld.eu

con l’obiettivo di fornire materiali multimediali online e spunti eterogenei ed innovativi 

Il programma del corso prevede due lezioni frontali e due moduli online e offre efficaci strumenti multimediali disponibili sulla piattaforma www.edu-kit.sameworld.eu.

Le LEZIONI FRONTALI si terranno il  17 novembre e il 12 dicembre 2017  nella sede della “Società dei Naturalisti” – Via di Mezzocannone 8, 80134 Napoli

Locandina

Science Teachers in Europe

 Dalle sezioni, Didattica & Progetti  Commenti disabilitati su Science Teachers in Europe
Nov 152017
 

In Piemonte un percorso di formazione organizzato dall’Anisn:

Science Teachers in Europe:
le risorse internazionali per la didattica della scienza, con collegamento diretto al mondo del lavoro

Progetto in collaborazione con  Maria Zambrotta –Scientix Ambassador, ANISN- Sezione Piemonte, Fondazione Umberto Veronesi – partner del progetto europeo STEMFORYOUTH

DESTINATARI: DOCENTI DELLE SCUOLE del territorio, dalla primaria alla secondaria di secondo grado.

L’economia e la società della conoscenza stanno avanzando rapidamente in Europa. Più che mai è necessaria una forza lavoro con competenze STEM (scienze, tecnologia, ingegneria e matematica) per stare al passo con i tempi. L’istruzione formale e informale possono giocare un ruolo chiave nell’attrarre più ragazze e ragazzi a questi campi di studio.

Smart generation exploring science. Sincere smiling emotional girl standing at school and holding electronic robot while her colleagues working on the project

Lo scopo di questo percorso formativo è quello di illustrare le risorse disponibili gratuitamente online per l’organizzazione di attività finalizzate ad una didattica per competenze, valutare le potenzialità dei progetti rivolti agli insegnanti da European Schoolnet,  (solo per esempio Hypatia, Biotalent, EduArtic, Nanoyou, Next lab)  sperimentare delle innovative unità di apprendimento ideate per interessare i giovani alle discipline STEM usando una didattica inclusiva, strumentazioni digitali, laboratori virtuali, simulazioni e soprattutto, collegando materie a competenze scientifiche e tecnologiche spendibili nel mondo del lavoro. Il corso può fornire, inoltre, molti spunti per l’insegnamento di materie scientifiche usando la metodologia CLIL.

Il progetto consta di 3 momenti: 

  • la formazione dei docenti,
  • il coinvolgimento delle classi mediante lo sviluppo di alcune attività scelte tra quelle presentate,
  • un momento di restituzione collettiva mediante l’organizzazione di una manifestazione cittadina durante la STEM DiscoveryWeeK 2018

La Sezione ANISN di Torino, la Fondazione Umberto e la professoressa Zambrotta – Scientix Ambassador Veronesi forniranno il supporto necessario allo sviluppo del lavoro.

Responsabile del progetto: Maria Zambrotta

e-mail: maria.zambrotta@santorre.it

iscrizioni presso

daniela.truffo@cittametropolitana.torino.it

Locandina

per saperne di più

http://www.indire.it/2017/11/03/didattica-delle-scienze-in-piemonte-un-percorso-di-formazione-organizzato-dallanisn/

FestivalScienza a Cagliari

 Dalle sezioni  Commenti disabilitati su FestivalScienza a Cagliari
Nov 152017
 

FestivalScienza a Cagliari

La sezione Sardegna ha partecipato attivamente al FestivalScienza che si è tenuto  a Cagliari dal 7 al 12 di novembre grazie a Elisabetta Piro, a Laura Bifulco, e ad altri soci. Tra le numerose iniziative segnaliamo  un laboratorio interattivo e un itinerario botanico in collaborazione con l’Ente Foreste della Sardegna.La brochure è consultabile anche sul sito www.festivalscienzacagliari.it

http://www.anisn.it/nuovosito/cagliari-festival-scienza/


Quaderni CIRD

 Dalle sezioni  Commenti disabilitati su Quaderni CIRD
Nov 152017
 

Quaderni CIRD

Il Centro Interdipartimentale per la Ricerca Didattica dell’Università degli Studi di Trieste ha pubblicato il n. 14/2017 della rivista “Quaderni CIRD”, interamente dedicato alla formazione iniziale degli insegnanti di discipline scientifiche (PARTE SECONDA). Il numero monografico in questione è scaricabile gratuitamente all’indirizzo: https://www.openstarts.units.it/dspace/handle/10077/13929

Si rammenta, inoltre, a chi fosse eventualmente interessato, che la PARTE PRIMA è scaricabile gratuitamente all’indirizzo:
https://www.openstarts.units.it/handle/10077/13273