Giorgio Bianchini

Le Scienze Naturali nella Scuola n. 63

 Pubblicazioni  Commenti disabilitati su Le Scienze Naturali nella Scuola n. 63
Gen 082021
 

È nell’area soci il numero 63 della rivista Le Scienze naturali nella scuola.

L’abstract è disponibile, insieme a quelli dei numeri passati, al seguente link http://www.anisn.it/nuovosito/le-scienze-naturali-nella-scuola/

Riportiamo l’abstract anche qui di seguito alla copertina:

Il numero si apre con l’interessante editoriale del Direttore Mancaniello che contiene, tra l’altro alcune riflessioni sull’attualità. A seguire, un intenso articolo di didattica di Maria Cristina Carlà Campa ed altri dell’Istituto “Giotto Ulivi” di Borgo S. Lorenzo (FI) che ci intrattiene su due aspetti di grande attualità e di evidente interconnessione: i cambiamenti climatici e le migrazioni. Il filo conduttore di questo numero si snoda poi su un percorso tecnologico di sicuro interesse. Con il contributo di Annalisa Terracina partecipiamo alla Missione dell’Agenzia Spaziale Europea che ha l’ambizione di allinearsi ai programmi che prevedono l’atterraggio controllato su Marte. Nell’ambito del Progetto ESERO Italia, è nata la competizione Una gara su Marte con MARRtino che ha visto vari gruppi di studenti sfidarsi in una entusiasmante gara spaziale; quindi pronti ad …allacciare le cinture! Con Di Bartolomei e Tomaselli entriamo in un laboratorio interdisciplinare, dove l’informatica e la biologia si interconnettono. La visione d’insieme che ne scaturisce è allettante e di sicura presa sui giovani, ma anche sui… meno giovani! Segue un’indagine, promossa dall’Università Federico II di Napoli, sul grado di conoscenze degli studenti di scuole superiori in Biologia e Chimica, nell’ambito del Piano Lauree Scientifiche. Analisi scrupolosa e completa, a cura di Galano, Caruso ed altri, di sicuro aiuto al docente nella sua attività di orientamento. Rosa Roberto affronta in modo documentato e argomentato alcuni aspetti e implicazioni della “scuola digitale” venuti alla ribalta con la necessità della didattica a distanza ai tempi del COVID. Capocasa, Anagnostou e Bisol analizzano i programmi messi in campo per ridurre le disparità sanitarie a livello globale e ricordano l’importanza che la WHO attribuisce alla scienza per preservare la salute umana. Per Scienza giovane, Giulia Guarracino c’informa delle ultime novità nel campo della stampa 3D con utilizzo di materiali compositi, secondo la tecnica innovativa Fused Deposition Modeling; chi vuole saperne di più deve leggere a pag. 53. Nei “Riflettori sull’ANISN”, la Presidente Nazionale Bortolon, a partire dall’Agenda 2030 per lo Sviluppo sostenibile si sofferma sull’articolo 14: Conservare e utilizzare in modo durevole gli oceani, i mari, le risorse marine e ricorda il concorso Scrittori di classe” della CONAD, a cui l’ANISN partecipa; per conoscere i particolari di questa interessante iniziativa leggere a pag.61. In “Libera Navigazione” il contributo di Bruno Becchi ci ricorda la figura di don Milani, la sua scuola di Barbiana.; Originalità di un messaggio- Attualità di una lezione è il titolo del contributo. La recensione di Luigi D’Amico sul libro di Tom Nichols dal titolo emblematico e di grande attualità: La conoscenza e i suoi nemici, chiude il numero e ci invita ad una riflessione sugli aspetti più controversi e delicati della comunicazione.

Buona lettura.

Gaia Early Dr3, il miglior catalogo stellare di sempre

 Novità dalla ricerca, Scienza & Territorio, Scienze della Terra e del Cielo  Commenti disabilitati su Gaia Early Dr3, il miglior catalogo stellare di sempre
Dic 282020
 

Il Natale si avvicina e volete regalare una stella, magari una supernova? Oppure volete fare le cose in grande e preferite un’intera galassia sfavillante? E avete certo preferenze sulla magnitudo (luminosità) e sui colori, ce ne sono tantissimi? Naturalmente volete ordinare on line?

E’ disponibile il nuovo catalogo astronomico della missione Gaia dell’Agenzia spaziale europea, che vede una forte partecipazione dell’Agenzia spaziale italiana e dell’Istituto nazionale di astrofisica. Basato sui primi 34 mesi di osservazioni del satellite, questo catalogo 3D di quasi 2 miliardi di stelle supera in precisione la versione precedente, svelando dettagli mai visti finora sul nostro angolo di universo, dai dintorni del Sole fino ai confini della galassia e oltre

Un miliardo e ottocentoundici milioni, settecentonovemila settecentosettantuno. Questo il gran totale di stelle contenute nel catalogo della Early Data Release 3 (EDR3) della missione Gaia dell’Esa. Oltre alle posizioni delle stelle, per la stragrande maggioranza di esse il catalogo comprende anche misure delle distanze e dei lenti ma inesorabili movimenti celesti, nonché di luminosità e colore.

I nuovi dati di Gaia saranno disponibili al seguente indirizzo: gea.esac.esa.int/archive

Una serie di articoli che descrivono i dati e i primi risultati scientifici sono disponibili sul sito della rivista Astronomy & Astrophysics:

https://www.ansa.it/canale_scienza_tecnica/notizie/spazio_astronomia/2020/08/27/pronto-il-catalogo-che-racconta-la-storia-di-90.000-galassie_47d71d33-2a5d-45ea-9873-b0694f5afe7e.html

https://www.media.inaf.it/2020/12/03/gaia-early-dr3/

L’intelligenza artificiale prevede la forma delle proteine

 Biologia, Novità dalla ricerca, Scienza & Territorio  Commenti disabilitati su L’intelligenza artificiale prevede la forma delle proteine
Dic 282020
 

L’intelligenza artificiale è riuscita a vincere una delle sfide più complesse della biologia: ha infatti trovato la chiave per prevedere la struttura delle proteine a partire dalla sequenza di amminoacidi che le compongono . L’obiettivo, inseguito da oltre mezzo secolo da laboratori di tutto il mondo, è stato raggiunto dall’azienda britannica DeepMind di Google con l’algoritmo Alphafold, che ha sbaragliato la concorrenza nella competizione internazionale Casp (Critical Assessment of Protein Structure Prediction).

Per decenni la struttura delle proteine è stata studiata usando tecniche come la cristallografia ai raggi X e la microscopia crioelettronica, che richiedono tempi molto lunghi e producono risultati non sempre soddisfacenti. In questo modo finora sono state risolte le strutture di circa 170.000 su oltre 200 milioni di proteine conosciute.

Nella competizione Casp per la previsione delle strutture proteiche, che si disputa ogni due anni, i partecipanti ricevono le sequenze amminoacidiche di 100 proteine di struttura ignota: alcuni gruppi provano a calcolarne il ripiegamento, mentre altri lo determinano sperimentalmente. I risultati vengono poi confrontati per valutare l’efficacia dei metodi di previsione. Sebbene i dettagli di come funzioni AlphaFold non siano stati ancora resi noti, come racconta Nature, i ricercatori della società hanno migliorato la versione precedente di DeepMind (che aveva partecipato già alla Casp del 2018), sviluppando una rete di intelligenza artificiale in grado di incorporare informazioni aggiuntive che determinano il modo in cui una proteina si piega e dato, così, ad AplhaFold un compito ancor più difficile: invece di prevedere le relazioni tra gli amminoacidi, doveva predire la struttura finale di una sequenza di proteine target.

AlphaFold apre nuovi scenari per la ricerca biotech, promettendo di mettere il turbo allo sviluppo di nuovi farmaci (anche contro Covid-19) ed è già risultato decisivo per velocizzare l’analisi della struttura  di proteine virali. Infatti, quest’anno il gruppo ha predetto accuratamente la struttura di ORF3a, una proteina del virus SARS-CoV-2 prima che venisse determinata per via sperimentale.

Ulteriori informazioni sono disponibili ai seguenti link:

https://aulascienze.scuola.zanichelli.it/come-te-lo-spiego/2020/12/05/intelligenza-artificiale-e-struttura-delle-proteine/

https://www.ansa.it/canale_scienza_tecnica/notizie/biotech/2020/12/02/lai-prevede-la-forma-delle-proteine-svolta-per-la-biologia-_18f9563e-b49b-42a7-8bb8-0fed86a0b546.html

https://www.nature.com/articles/d41586-020-03348-4

https://www.agendadigitale.eu/sanita/alphafold-2-i-vantaggi-medici-dallintelligenza-artificiale-che-rivoluziona-lo-studio-delle-proteine/

 

Manifesto verso l’Oceano di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

 Eventi, Scienza & Territorio  Commenti disabilitati su Manifesto verso l’Oceano di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo
Dic 152020
 

L’ANISN ha sottoscritto un patrocinio al “Manifesto verso l’Oceano di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo”, che verrà lanciato  il 16 dicembre con una diretta live dal canale Facebook del Decennio del Mare (@decenniodelmare) e dal sito www.decenniodelmare.it .

Alla diretta parteciperà la dott.ssa Francesca Santoro dell’IIT, insieme a Caterina Balivo, e vi sarà un video messaggio del Direttore di Rai per il Sociale, Giovanni Parapini; modererà Diana de Marsanich.

L’evento è raggiungibile a questo link: https://www.facebook.com/events/1275432942826473

Scuole iscritte ai Giochi delle Scienze Sperimentali 2021

 Giochi delle scienze Sperimentali, Olimpiadi & Giochi  Commenti disabilitati su Scuole iscritte ai Giochi delle Scienze Sperimentali 2021
Dic 052020
 

Di seguito l’elenco delle scuole iscritte all’edizione 2021 dei Giochi delle Scienze Sperimentali, raggruppate per regione. Per l’iscrizione andare alla pagina di Bando e istruzioni per la partecipazione. Per i dati fiscali ANISN andare alla pagina coordinate bancarie e fiscali .

Si prega di prendere visione delle “scuole in attesa di conferma” e delle “scuole non identificate”, in fondo alla pagina.
Le “scuole in attesa di conferma” risultano inserite a tutti gli effetti, in attesa di verifica dell’avvenuto pagamento della quota di iscrizione 
(NB: perchè la ricevuta pervenga alla Segreteria Nazionale possono passare anche 30-40 giorni dal mandato di pagamento).

Scuole confermate

Regione Scuola CAP Località
1 Basilicata IC Pietragalla 85016 Pietragalla (Pz)
2 Basilicata IC “Torraca Bonaventura” 85100 Potenza
3 Campania I.C.3 “Don Lorenzo Milani – Capasso” 80011 Acerra  (NA)
4 Campania IC “Giovanni XXIII” 84013 Cava de’Tirreni
5 Campania IC “Pacinotti” 80034 Marigliano (Na)
6 Friuli-VG IC “Cordovado” 33075 Cordovado (Pn)
7 Lazio IC “Ilaria Alpi” 00055 Ladispoli (Roma)
8 Liguria I.C. n.4 19121 La Spezia
9 Lombardia Collegio S. Antonio 20874 Busnago (MB)
10 Lombardia ICS “G.P.Clerici” 21040 Gerenzano (VA)
11 Lombardia IC Villasanta 20852 Villasanta (Mb)
12 Marche IC “Camerano” 60021 Camerano (AN)
13 Piemonte Ist. “Ugo Foscolo” 10129 Torino
14 Piemonte IC “Gozzi Olivetti” 10132 Torino
15 Piemonte IC Matteotti – Pellico 10133 Torino
16 Puglia S.M. “Gen. E. Baldassarre” 76125 Trani
17 Puglia I.C. Commenda 72100 Via Mecenate, 68
18 Puglia I.C. “Rodari Alighieri Spalatro” 71019 Vieste (FG)
19 Sicilia I.C. “Ercole Patti Trecastagni” 95039 Trecastagni (CT)
20 Toscana IC “L. Fibonacci” 56127 Pisa
21 Umbria SM annessa Convitto Naz. “Principe di Napoli” 06081 Assisi (PG)
22 Valle d’Aosta Ist. Scolast. Abbe J.M. Treves 11027 Saint-Vincent (AO)
23 Veneto IC “Goffredo Parise” 36071 Arzignano (VI)
24 Veneto IC n. 3 Bassano del Grappa 36061 Bassano del Grappa 
25 Veneto IC “Dante Alighieri” 36030 Caldogno (VI)
26 Veneto IC Piombino Dese 35017 Piombino Dese PD
27 Veneto IC n.1 37047 San Bonifacio (VR)

 

Scuole da confermare

Scuole non identificate
Bonifico a nome di MONTUORI CARMEN

Sea Workshop

 Eventi  Commenti disabilitati su Sea Workshop
Nov 182020
 

Il 20 novembre, dalle ore 14.00 alle ore 15.30, si terra il workshop “Engaging Italian schools for the ocean” (“Coinvolgere le scuole italiane per l’oceano”) nel quale verrà illustrato il concetto di Scuola Blu Europea e verranno esplorate modalità per costruire connessioni e impegnarsi nella Rete delle Scuole Blu Europee.

Il workshop si svolgerà in lingua Inglese/Italiano senza servizio di interpretariato.

Locandina del workshop

Maggiori informazioni sono reperibili ai link:
https://www.sealogy.it/
https://www.sealogy.it/events/engaging-italian-schools-for-the-ocean/

Ecco il nuovo Bando delle Olimpiadi delle Scienze Naturali 2021

 Olimpiadi & Giochi, Olimpiadi delle Scienze Naturali  Commenti disabilitati su Ecco il nuovo Bando delle Olimpiadi delle Scienze Naturali 2021
Nov 142020
 

Per l’anno scolastico 2020/21, l’ANISN organizza la diciannovesima edizione delle Olimpiadi delle Scienze Naturali, rivolta agli studenti delle scuole superiori.

È possibile aderire all’iniziativa entro il 15 febbraio 2021Bando Olimpiadi 2021

Anche quest’anno prevede due distinte categorie: biennio e triennio. La categoria triennio prevede poi due diverse sezioni: Biologia e Scienze della Terra.

Si conferma la sponsorizzazione della prestigiosa Università Humanitas University.

Per gli istituti che hanno attivi più indirizzi (ad esempio, Liceo Classico e Scientifico) sarà possibile iscrivere gli indirizzi separatamente.

Si conferma anche la partecipazione delle squadre italiane alle IBO (Olimpiadi Internazionali di Biologia) e alle IESO (Olimpiadi Internazionali di Scienze della Terra).

ALLORA. COSA ASPETTI?

SCARICA IL BANDO E ISCRIVI SUBITO LA TUA SCUOLA!

Bando Olimpiadi 2021

Celebrazione del trentennale del programma Amgen Biotech Experience (ABE)

 AMGEN Biotech Experience, Didattica & Progetti, Progetti internazionali  Commenti disabilitati su Celebrazione del trentennale del programma Amgen Biotech Experience (ABE)
Set 252020
 

Dal cambiamento climatico alle pandemie globali, mai come oggi è chiaro che il futuro dell’umanità è nella conoscenza scientifica e nella sua più profonda diffusione. Da 30 anni, Amgen Biotech Experience (ABE) consente agli insegnanti di scienze della scuola secondaria di implementare laboratori di biotecnologia nelle loro classi per aiutare i loro studenti a comprendere meglio la scienza e come essa possa influenzare la loro vita quotidiana.

Esplorare la complessità della vita richiede una comprensione di base di come funzionano la salute, l’ambiente e la tecnologia dove l’alfabetizzazione scientifica in tutte le comunità è fondamentale per cogliere le sfide del presente e del futuro. Anche nei paesi ricchi gli studenti hanno un limitato accesso alla conoscenza scientifica a scuola, dove incidono le scarse risorse, la capacità di coinvolgimento delle attività di apprendimento e l’aggiornamento degli insegnanti.

ABE fornisce gratuitamente formazione agli insegnanti, materiali per programmi di studio, attrezzature per la realizzazione di esperimenti di biotecnologia nelle scuole secondarie.

Attraverso oltre 3.600 insegnanti partecipanti, quasi 850.000 studenti in tutto il mondo hanno sperimentato una formazione pratica sulla biologia tramite ABE, grazie all’impegno di oltre 40 milioni di dollari della Fondazione Amgen per il programma.

In Italia il programma è attivo dal 2017 ed è stato realizzato grazie alla collaborazione tra l’ANISN (Associazione Nazionale Insegnanti di Scienze Naturali) ed il Dipartimento di Biologia dell’Università Federico II di Napoli coinvolgendo 186 insegnanti e oltre 3000 studenti di 9 diverse regioni. Per il prossimo triennio l’ABE Italy ha programmato l’estensione le regioni coinvolte e delle partnership scientifiche con l’IFOM di Milano (Istituto FIRC di Oncologia Molecolare) e l’IBBR (Istituto  di Bioscienze e Biorisorse) del CNR.

Il programma ABE, forte della propria mission, ha colto la sfida di superare il divario educativo che COVID-19 ha drasticamente accresciuto, in particolare tra le comunità meno servite. Come risposta a tale sfida ha messo in campo collaborazioni con innovative piattaforme di apprendimento remoto e reti virtuali. La stretta collaborazione di ABE con LabXchange, lanciata dalla Amgen Foundation e da Harvard all’inizio di quest’anno, ha aumentato notevolmente l’accesso ai laboratori ABE virtuali che sono ora aperti a tutti senza alcun costo.

Attraverso la collaborazione continua con gli educatori e le partnership con programmi come LabXchange, ABE conta di favorire l’accesso nei laboratori scientifici di persone con background più diversificati, consentendo loro di fronteggiare al meglio le sfide che l’umanità dovrà affrontare in futuro.

 

Informazioni: info.abe@anisn.it

Sito web Italiano: http://amgenbiotechexperience.net/it/ital

Sito web internazionale: www.amgenbiotechexperience.com

Piattaforma LabXchange: www.labxchange.org

Le Scienze Naturali nella Scuola n. 62

 Pubblicazioni  Commenti disabilitati su Le Scienze Naturali nella Scuola n. 62
Set 242020
 

È nell’area soci il numero 62 della rivista Le Scienze naturali nella scuola.

L’abstract è disponibile, insieme a quelli dei numeri passati, al seguente link http://www.anisn.it/nuovosito/le-scienze-naturali-nella-scuola/

Riportiamo l’abstract anche qui di seguito alla copertina:

Le scienze naturali nella scuola

N° 62. Fascicolo I, 2020

Il numero racchiude i lavori del Convegno ANISN svoltosi in Valle d’Aosta dal 5 al 9 settembre 2019. Tema del Convegno: I rischi naturali e l’uomo. Ambiente ed eredità culturale. In copertina, una bella ma drammatica foto dei danni provocati a Rapallo dall’alluvione dell’ottobre 2018. Il fascicolo inizia con l’editoriale della Presidente della sezione ANISN della Valle D’Aosta , Occhipinti, che ricorda i quarant’anni della formazione dell’ANISN. Con Marcello Dondeynaz ci uniamo al gruppo di dieci congressisti che hanno partecipato all’escursione al Vallone delle Cime Bianche, ai piedi del Monte Rosa: un percorso ricco di storia e di bellezze naturali. Con il contributo di Solarino: Verso la preparazione ai rischi naturali: un percorso che comincia dalla scuola si entra subito in argomento. L’Italia, terra bella ma inquieta, viene presentata in tutta la sua fragilità, da qui la necessità di sensibilizzare i giovani ai problemi ambientali. Con Augliera si affronta il rischio sismico. L’articolo elenca gli enti di ricerca preposti allo studio e alla previsione dei fenomeni sismici e le relative attività. Con Faure Ragani si passa ad un rischio più evanescente, ma non per questo meno pericoloso: l’inquinamento da radon.  Gas radioattivo, produce ioni che a loro volta generano particelle alfa beta e gamma, pericolose per gli organismi. Per saperne di più, e scoprire come difendere le nostre case dall’attacco di questo nemico invisibile, bisogna leggere l’articolo a pag.26. Con il contributo di Bernagozzi, il punto di osservazione si sposta verso l’alto. Si parla, infatti, del rischio asteroidi. Centinaia di milioni di meteoroidi e decine di migliaia di asteroidi near-Earth (NEA) sono sparsi nell’Universo a noi prossimo. Per fortuna gli impatti catastrofici sono rarissimi e il sistema di osservazione a livello planetario, il Planetary Defense, ci rende meno vulnerabili; un buon motivo, forse, per ricordarci di alzare ogni tanto lo sguardo al cielo! Segue l’articolo, in francese, di Jean Luc Berenguer sull’importanza delle geoscienze e sui relativi progetti internazionali (tra cui GIFT). L’articolo didattico di Borghini sul rischio frane descrive un lavoro fatto con materiale povero, per simulare la formazione e la caduta di frane: esercitazione accattivante e riproducibile. A questo fa seguito il contributo a più ampio raggio di Occhipinti: Esperienze e attività di laboratorio di Scienze della Terra.  Con il contributo di Tombiolo e Binda l’orizzonte si allarga sulle variazioni climatiche a livello globale e sulle loro conseguenze sulla biosfera (dal protocollo di Kyoto, all’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile). Tumbiolo e Terracina illustrano il progetto ESERO che vede la collaborazione tra Agenzia Spaziale Europea, Agenzia Spaziale Italiana e ANISN. Bianchini, Boccardi, Corti ci aggiornano sullo stato dell’arte delle Olimpiadi di Scienze Naturali, anche alla luce dell’emergenza Covid19, mentre la Presidente ANISN nazionale Bortolon fa il punto sui Giochi delle scienze sperimentali e ci aggiorna su: LINKS – Learning from Innovation and Networking in STEM. Il contributo di Lozar e Fanti titola: Piano Nazionale Lauree Scientifiche (PLS) Geologia: Azioni, Esperienze, Prospettive. Chiude il numero l’articolo di Forni: La Storia dei centri IBSE dell’ANISN: Programma SID e progetto AMGEN TEACH. Fanno parte integrante del fascicolo interessanti escursioni tra cui: Forte Bard, Osservatorio Astronomico di Barthélemy, Castello Pilato, oltre al già citato Vallone delle Cime Bianche.

Buona lettura e…buon viaggio!

 

Seminari online SPAIS 2020/21 – Dal macro al micro… e ritorno

 Didattica & Progetti  Commenti disabilitati su Seminari online SPAIS 2020/21 – Dal macro al micro… e ritorno
Set 242020
 

Quali conoscenze di base per comprendere l’innovazione?

SPAIS 2020/21
Dal macro al micro… e ritorno
Seminari online

Dopo il rinvio di SPAIS2020 a causa dell’emergenza COVID e in preparazione dell’edizione 2021, la Scuola Permanente per l’Aggiornamento degli Insegnanti di Scienze Sperimentali, nell’ambito del tema generale “Dal macro al micro … e ritorno”, offre i due seminari seguenti che si svolgeranno in modalità online.

Seminario 1: Giovedì 29 0ttobre 2020 ore 16 – 18
Fabrizio Fabbri Dipartimento di Fisica, Università di Bologna e INFN sez. Bologna, fabrizio.fabbri@bo.infn.it
Breve storia di un Universo improbabile… il nostro.

Seminario 2: Giovedì 05 Novembre 2020 ore 16 – 18
Eleonora Aquilini
Divisione Didattica Società Chimica Italiana, ele.aquilini6@gmail.com
La Composizione dell’acqua e le ipotesi di struttura molecolare: un itinerario didattico da Gay-Lussac ad Avogadro

Tutte le informazioni sono disponibili nel programma allegato.