Giorgio Bianchini

Viaggi e scienza

 Dalle sezioni  Commenti disabilitati su Viaggi e scienza
Giu 212019
 

La prof.ssa Beatrice Peruffo, presidente vicentina della Associazione Nazionale Italiana Insegnanti di Scienze Naturali ha presentato a Vicenza il 4 giugno 2019 Viaggi e scienza: esploratori della Terra e della biodiversità, il nuovo saggio di Francesco Mezzalira, pubblicato da WBA (World Biodiversity Association).

Il volume di Mezzalira affronta in una prospettiva storica tutti gli aspetti scientifici dei viaggi, dall’orientamento e localizzazione in mare alla storia delle scoperte geografiche, dalla rappresentazione degli animali e piante da parte degli artisti-viaggiatori alle teorie geologiche suggerite dalle osservazioni degli esploratori, dai progressi della cartografia agli strumenti di misura utilizzati nelle spedizioni scientifiche, fino alla raccolta di esemplari esotici per le collezioni naturalistiche. I contributi di Forster, Humboldt, Darwin, Wallace e tantissimi altri scienziati viaggiatori emergono dai loro diari di viaggio e dalle relazioni che hanno pubblicato, nelle quali scienza ed avventura, ragione ed emozione trovano una perfetta fusione.

Il volume vede la luce in occasione dell’anniversario dalla partenza, giusto cinquecento anni fa, nel 1519, di Ferdinando Magellano per il viaggio che porterà alla prima circumnavigazione del globo terrestre. Il navigatore portoghese non concluderà l’impresa, ma un piccolo numero di sopravvissuti riuscirà a tornare in Spagna dopo tre anni di navigazione. Ben poca memoria sarebbe rimasta di quest’epica avventura se il vicentino Antonio Pigafetta non l’avesse descritta nella sua Relazione, ricca di notizie e osservazioni sui luoghi, i popoli e la natura delle terre toccate dalle navi di Magellano, delle quali solo la Victoria (nome fatidico) riporterà i superstiti in Europa.

Francesco Mezzalira, autore dell’ampia ricerca che sta alla base del libro, ha dedicato molti anni a letture, traduzioni, studi e viaggi per raccogliere la documentazione necessaria. Insegnante di scienze naturali al Liceo di Bassano del Grappa intitolato a un grande scienziato-viaggiatore,  Giambattista Brocchi, Mezzalira da tempo si interessa alla storia della scienza, con particolare riferimento all’illustrazione zoologica, argomento sul quale ha scritto alcuni libri, tra cui “Le immagini degli animali”, edito da Angelo Colla nel 2013. L’interesse dell’autore per l’iconografia si manifesta anche nel libro “Viaggi e scienza” dove le numerose illustrazioni accompagnano i diversi argomenti toccati nel testo. La solidità della base documentale su cui poggia il volume è confermata dall’ampiezza della bibliografia, nella quale sono citati oltre 300 titoli.

Corso di formazione “La Scienza tra teoria e pratica di laboratorio”

 Dalle sezioni  Commenti disabilitati su Corso di formazione “La Scienza tra teoria e pratica di laboratorio”
Mag 192019
 
  • Per il corso di formazione “La Scienza tra teoria e pratica di laboratorio” organizzato dalla sezione di ANISN di Palermo, il prossimo evento del corso di formazione “LA SCIENZA TRA TEORIA E PRATICA DI LABORATORIO” sarà tenuto dal prof. Fabio Caradonna su “Il passaggio alle scienze “omiche”: genetica-genomica, citogenetica-citogenomica” il 20 Maggio 2019, con successiva visita ai laboratori STEBICEF.Locandina ANISN Palermo 2019 Caradonna
  • Per il corso di formazione “La Scienza tra teoria e pratica di laboratorio” organizzato dalla sezione di ANISN di Palermo, il prossimo evento del corso di formazione “LA SCIENZA TRA TEORIA E PRATICA DI LABORATORIO” sarà tenuto dal prof. Gregorio Seidita su Biologia forense il 10 Aprile 2019 e con il successivo laboratorio.
    Locandina Aprile 2019
  • Per il corso di formazione “La Scienza tra teoria e pratica di laboratorio” organizzato dalla sezione di ANISN di Palermo, Venerdì 8 marzo 2019 alle 15.30 si terrà presso il Liceo Scientifico S. Cannizzaro di Palermo il seminario “Impatto dei cambiamenti climatici sui microrganismi”, a cura della Prof.ssa Anna Maria Puglia dell’Università degli studi di Palermo.
    I seminari del corso di formazione sono aperti ai docenti di Scienze di ogni ordine e grado e agli studenti dell’ultimo anno dei Licei. Al seminario seguirà nelle settimane successive il laboratorio.
    Locandina evento 8 Marzo

Scuola estiva SPAIS 2019: “I modelli nelle Scienze”

 Dalle sezioni, Eventi  Commenti disabilitati su Scuola estiva SPAIS 2019: “I modelli nelle Scienze”
Mar 212019
 

Si terrà dal 22 al 27 luglio ad Agrigento la XIII edizione di SPAIS (Scuola Permanente per l’Aggiornamento degli Insegnanti di Scienze sperimentali), dal titolo “I modelli nelle scienze”. 

La Scuola si pone come obiettivo l’individuazione e il conseguente approfondimento delle conoscenze di base che sono necessarie nel campo della biologia, della chimica, della fisica e della geologia per comprendere e comunicare i contenuti fondamentali della moderna ricerca scientifica e tecnologica.

Quest’anno, la Scuola intende prendere in esame i più importanti modelli di riferimento nel campo della fisica, della chimica, della biologia e delle altre Scienze più marcatamente multidisciplinari come quelle ambientali, geologiche e naturali presentando prevalentemente, per ciascuna disciplina, un panorama di risultati sperimentali recenti coerenti con i modelli stessi.

Scarica la Prima circolare SPAIS 2019.

Mar 052019
 

Il MIUR (Ministero per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca), ha stabilito che la Fase Nazionale delle Olimpiadi delle Scienze Naturali si dovrà svolgere a Pavia.

È inoltre disponibile il Regolamento delle Olimpiadi 2019: esso contiene tutte le norme, scadenze e contatti relativi all’edizione di quest’anno delle Olimpiadi!

Ricordiamo le seguenti date per le Olimpiadi:

  • Le selezioni d’Istituto devono avvenire entro l’11 marzo, ed entro il 16 marzo i referenti di ciascuna scuola devono comunicare ai responsabili regionali l’elenco degli studenti selezionati in ordine di merito
  • La fase regionale avrà luogo il 27 marzo
  • La fase nazionale si svolgerà dal 10 al 12 maggio
  • Le Olimpiadi Internazionali di Biologia si terranno in Ungheria dal 14 al 21 luglio
  • Le Olimpiadi Internazionali di Scienze della Terra si terranno in Corea del Sud dal 26 agosto al 3 settembre

Regolamento 2019

Progetto educazione alimentare e ambientale nelle scuole – MIUR e Fondazione BCFN

 Didattica & Progetti, Osservatorio sulla didattica  Commenti disabilitati su Progetto educazione alimentare e ambientale nelle scuole – MIUR e Fondazione BCFN
Mar 032019
 

Segnaliamo per conto della Fondazione BCFN (Barilla Center for Food & Nutrition) un programma educativo oggetto di un protocollo d’intesa con il MIUR.

Si tratta di un corso di formazione dal titolo, “Sostenibilità, nutrizione e cultura. Educare gli adulti di domani”, fruibile attraverso la piattaforma S.O.F.I.A. del MIUR, e di un concorso – dal titolo “Noi, il cibo il nostro Pianeta: Progetti in azione” – aperto a tutti i docenti e ai loro studenti.

Basato su una didattica innovativa, che offre ai docenti una formazione on line sulle tematiche del cibo e della sostenibilità alimentare nonché strumenti didattici digitali per le lezioni in classe e corredato da attività laboratoriali per un apprendimento dinamico e concreto, il progetto, abbraccia tre differenti fasce d’età accompagnando la formazione dei cittadini globali di domani.

È possibile iscriversi al corso di formazione accedendo alla piattaforma S.O.F.I.A..

I docenti che vorranno inoltre partecipare al concorso possono registrarsi sul sito ufficiale http://www.educazionedigitale.it/noiilciboilpianeta/ e hanno tempo fino al 15 aprile 2019 per partecipare; il regolamento è consultabile qui: http://www.educazionedigitale.it/noiilciboilpianeta/concorso/.

Scheda informativa

Firmato l’accordo fra l’ANISN e le agenzie spaziali ASI ed ESA per la realizzazione del programma Spatio e l’apertura di ESERO Italia

 Didattica & Progetti, ESERO, Progetti nazionali, Senza categoria  Commenti disabilitati su Firmato l’accordo fra l’ANISN e le agenzie spaziali ASI ed ESA per la realizzazione del programma Spatio e l’apertura di ESERO Italia
Feb 182019
 

Firmano l’accordo Anna Pascucci, Presidente dell’ANISN, e Kai-Uwe Schrogl, ESA Chief Strategy Officer

Il 14 febbraio 2019 si è svolto l’evento ufficiale di apertura dell’Ufficio ESERO Italia, presso la sede dell’Agenzia Spaziale Italiana con la partecipazione di un gruppo selezionato di scuole e di rappresentanti istituzionali.

Hanno preso parte all’evento il prof. Piero Benvenuti commissario straordinario ASI, Jan Worner direttore generale dell’Agenzia Spaziale Europea, Kai-Uwe Schrogl capo strategico di ESA, Anna Pascucci presidente ANISN, Annalisa Terracina capo progetto di ESERO Italia, Giuseppe Valditara capo del Dipartimento per la formazione superiore e per la ricerca del MIUR, Mario Rusconi vice presidente nazionale ANP/Cida.

La prima parte della giornata è stata interamente dedicata alle scuole, presenti con circa 150 studenti. Ettore Perozzi dell’ASI ha incantato la platea con una presentazione dal titolo “Per non fare la fine dei dinosauri” sull’importanza del programma di tracciamento degli asteroidi. A seguire Alessandro Coletta dell’ASI ha spiegato l’importanza di “Osservare la Terra dall’alto per il bene del nostro pianeta”. Due giochi, animati rispettivamente da Germana Garofolo (ASI) e Marco Segreto (CNR) hanno permesso agli studenti di misurarsi con le loro abilità e conoscenze. ASI ha premiato i vincitori con gadget personali e bellissimi poster di Marte, mentre il CNR tramite ESA ha premiato le classi con alcuni kit per attività didattiche, già presenti sul sito www.esero.it

Nel corso del 2019, primo anno del progetto, ANISN sarà impegnata nella preparazione di circa 35 formatori ESERO, con l’obiettivo di formare un minimo di 200 insegnanti sul territorio nazionale nel 2019, e di far crescere questo numero negli anni successivi. Tale obbiettivo sarà efficientemente coadiuvato dalla partecipazione delle sezioni e dei centri Inquiry Based Science Education (IBSE) dell’ANISN, presenti su tutto il territorio nazionale, a garanzia di uno degli obiettivi del progetto ESERO: raggiungere capillarmente tutto il territorio in una logica di inclusione e pari opportunità.

Rassegna stampa dell’evento:

http://www.asitv.it/media/vod/v/5267/video/esero-al-via-il-polo-stem-italiano
http://www.esa.int/ita/ESA_in_your_country/Italy/ESERO_Italia_porta_lo_spazio_nelle_scuole_italiane
https://www.ilmessaggero.it/tecnologia/esero_asi_esa_stem_scuola_cristoforetti_parmitano-4300344.html
https://www.airpressonline.it/37668/parmitano-educazione-asi-esero/
http://www.dire.it/18-02-2019/297816-arriva-esero-dai-banchi-allo-spazio/
https://www.diregiovani.it/2019/02/18/228823-scientificamente-esero-arriva-in-italia.dg/

Anna Pascucci, Presidente ANISN  
Annalisa Terracina, Responsabile ANISN del progetto  

Impara con Europeana

 Didattica & Progetti, Osservatorio sulla didattica  Commenti disabilitati su Impara con Europeana
Feb 182019
 

Europeana è il portale dell’Unione Europea per il Patrimonio culturale che offre 58.5 milioni di contenuti digitali, tra opere d’arte, manufatti, libri, film e file audio, provenienti da più di 3.500 biblioteche, musei, archivi e gallerie e istituti per la conservazione dei beni culturali di tutta Europa. Gli utenti hanno la possibilità di navigare sulla piattaforma in 27 lingue e di esplorare i contenuti per periodi storici, mostre virtuali e gallerie e collezioni tematiche, come Arte, Musica, Moda, Fotografia, Migrazioni, Giornali, Manoscritti, Prima guerra mondiale.

Un grande patrimonio che può essere utilizzato dalle scuole e dagli studenti.

Webinar “Impara con Europeana”

Il 6/3/2019 alle 17:00 è possibile partecipare al webinar con esempi pratici su come usare i patrimonio culturale digitale europeo. Per partecipare basta collegarsi a questo link: https://eun2.adobeconnect.com/europeana-italy-imparaconeuropeana

Concorso #imparaconEuropeana

SFIDA 1: Riuso di contenuti digitali aperti ImparaconEuropeana
È una competizione a cui si può partecipare con le  proprie classi https://www.diculther.it/sfida-1-riuso-di-contenuti-digitali-aperti-imparaconeuropeana/. Si tratta di scegliere un tema, ricercare materiali sull’argomento scelto sul portare Europeana e creare un prodotto digitale che verrà pubblicato su MOVIO (una piattaforma collegata al MiBac per creare mostre virtuali.

La scadenza per partecipare è il 31/3 ed i vincitori verranno premiati durante la settimana della cultura digitale che si terrà dal 7-13 aprile. Per  maggiori informazioni contattare: imparaconeuropeana.iccu@gmail.com

Esito selezione bando tutor ESERO

 Didattica & Progetti, ESERO, Progetti nazionali  Commenti disabilitati su Esito selezione bando tutor ESERO
Feb 052019
 

Il 20 Gennaio 2019 si è conclusa la selezione per la partecipazione alla scuola di formazione per tutor ESERO. Si ringraziano le sezioni ed i centri che hanno contribuito a diffondere questa importante iniziativa e tutti coloro che hanno partecipato.

Dato l’elevato numero di richieste (53 domande)  il numero di posti è stato elevato a 35. L’esito della selezione ha dato i seguenti risultati:

  • 15 candidati dei centri IBSE-ANISN
  • 14 candidati dalle sezioni ANISN
  • 6 candidati MCE

I candidati selezionati sono così distribuiti:

Programma del corso di formazione Amgen Biotech Experience 2018/19

 AMGEN Biotech Experience, Didattica & Progetti, Progetti internazionali  Commenti disabilitati su Programma del corso di formazione Amgen Biotech Experience 2018/19
Gen 082019
 

Dal 14 al 17 gennaio 2019 si terrà a Napoli il corso di formazione Amgen Biotech Experience, organizzato per i docenti di Scienze della Scuola Secondaria di II grado dall’ABE site Italy dell’Associazione Nazionale Insegnanti di Scienze Naturali – ANISN e dal Dipartimento di Biologia dell’Università degli studi di Napoli “Federico II”, in collaborazione con l’ABE site Massachusets della Harvard Universiy.

Il corso intende:

  • Favorire l’approfondimento delle conoscenze disciplinari relative alle Biotecnologie integrandole in una programmazione didattica coerente e funzionale alla loro decodificazione in termini di rigore scientifico, potenzialità e limiti applicativi.
  • Aggiornare e innovare i contenuti e le metodologie dell’insegnamento-apprendimento delle discipline scientifiche in particolare mediante l’acquisizione progressiva dell’IBSE (Inquiry Based Science Education).
  • Favorire l’impiego di metodologie laboratoriali che richiedono l’acquisizione di specifiche competenze sperimentali necessarie per sviluppare percorsi innovativi nel campo delle Biotecnologie e fungere da volano anche per stimolare l’interesse degli allievi.
  • Stimolare e sostenere il confronto e la cooperazione Internazionale con realtà scientifiche di prestigio ed esperte in approcci didattici innovativi, come l’IBSE, ancora poco diffusi in Italia.
  • Favorire e sostenere l’elaborazione di un piano programmatico nel quale l’ABE sia coerente con le Indicazioni Nazionali e un percorso valutativo da parte dei docenti partecipanti mediante l’utilizzo strumenti (quaderno di scienze, griglie, prove autentiche) adeguati all’assessment formativo e sommativo degli studenti.

Programma del corso

L’educazione STEM in Europa

 Osservatorio sulla didattica  Commenti disabilitati su L’educazione STEM in Europa
Dic 262018
 

Scientix, la comunità per l’insegnamento delle Scienze in Europa ha identificato nel campo dell’insegnamento delle discipline STEM (scienze, tecnologia, ingegneria e matematica) numerose sfide e possibili strade da percorrere, presentate in un nuovo rapporto dell’osservatorio di Scientix. A ottobre è stato pubblicato il rapporto ‘Politiche per l’educazione STEM’ Con il supporto di Texas Instrument è stata fatta una indagine presso i Ministeri dell’Istruzione e i rappresentanti di industrie e università in quattordici paesi europei. Sono state poste domande sul ruolo di STEM nel sistema educativo, i progetti di riforma legati all’educazione STEM, la situazione relativa allo sviluppo delle competenze professionali degli insegnanti STEM e lo sviluppo di specifici strumenti pedagogici e di apprendimento. I dati raccolti sono stati arricchiti con interviste a rappresentanti dell’industria e dell’università per ottenere feedback e punti di vista dal campo.

E’ emerso che una delle principali motivazioni per migliorare l’educazione STEM è la necessità di attrarre più studenti e insegnanti verso gli studi STEM per fornire al mercato del lavoro le risorse adeguate in termini qualitativi e quantitativi iniziando già dall’istruzione primaria.

Per far fronte al rapido ritmo dell’innovazione tecnologica, i sistemi educativi europei necessitano di una migliore integrazione verticale delle loro politiche STEM con migliori relazioni tra le scuole, università e aziende e hanno bisogno anche di una migliore integrazione orizzontale per sviluppare un approccio equilibrato tra i diversi soggetti STEM.

Un quadro comune europeo di riferimento per l’educazione STEM e di coordinamento delle iniziative nazionali STEM, con condivisione dei contenuti pedagogici, può assicurare che siano soddisfatte le esigenze degli insegnanti. Una più profonda collaborazione con le università e l’industria può aiutare a sviluppare le competenze degli insegnanti STEM.

Per completare i risultati del rapporto ‘Politiche per l’educazione STEM’  Scientix ha lanciato, con il supporto di Texas Instruments, il sondaggio ‘Pratiche per l’educazione STEM‘, per raccogliere informazioni su come gli insegnanti STEM in tutta Europa organizzano il proprio insegnamento. Questo rapporto sulle pratiche per l’educazione STEM in Europa è stato pubblicato a dicembre 2018 contiene un’analisi di 3.780 risposte fornite dagli insegnanti a quel sondaggio

Si possono scaricare i due rapporti e i relativi materiali promozionali qui: http://www.scientix.eu/observatory/stem-education-practices-europe

Per saperne di più

http://www.anisn.it/nuovosito/scientix-comunita-per-linsegnamento-delle-scienze-in-europa/

http://www.scientix.eu/home