Giorgio Bianchini

Workshop su Scientix a Napoli, Città della Scienza, il 27 ottobre

 Eventi  Commenti disabilitati su Workshop su Scientix a Napoli, Città della Scienza, il 27 ottobre
Ott 232017
 

Durante i 3 giorni per la scuola che si tengono a Napoli dal 25-27 ottobre gli Ambasciatori di Scientix della Campania insieme ad INDIRE hanno organizzato un workshop su Scientix.

http://www.cittadellascienza.it/3giorniperlascuola/programma/scientix-la-comunita-europea-per-i-doce…

Sarà possibile seguire il workshop anche attraverso la piattaforma online di Scientix, in questo secondo caso per iscriversi è necessario compilare questo form:

https://goo.gl/forms/RgygOIRVRB2j8bih1

Ecco il nuovo Bando delle Olimpiadi delle Scienze Naturali 2018

 Olimpiadi & Giochi, Olimpiadi delle Scienze Naturali  Commenti disabilitati su Ecco il nuovo Bando delle Olimpiadi delle Scienze Naturali 2018
Ott 202017
 

Per l’anno scolastico 2017/18, l’ANISN organizza la sedicesima edizione delle Olimpiadi delle Scienze Naturali, rivolta agli studenti delle scuole superiori.

È possibile aderire all’iniziativa entro il 15 febbraio 2018Bando Olimpiadi 2018

Anche quest’anno prevede due distinte categorie: biennio e triennio. La categoria triennio prevede poi due diverse sezioni: Biologia e Scienze della Terra.

Si conferma la sponsorizzazione della prestigiosa Università Humanitas University.

Per gli istituti che hanno attivi più indirizzi (ad esempio, Liceo Classico e Scientifico) sarà possibile iscrivere gli indirizzi separatamente.

Si conferma anche la partecipazione delle squadre italiane alle IBO (Olimpiadi Internazionali di Biologia) e alle IESO (Olimpiadi Internazionali di Scienze della Terra). Lo scorso anno sono state vinte dalle squadre italiane complessivamente due argenti e cinque bronzi!

ALLORA. COSA ASPETTI?

SCARICA IL BANDO E ISCRIVI SUBITO LA TUA SCUOLA!

Bando Olimpiadi 2018

AMGEN BIOTECH EXPERIENCE – ABE site Italy

 ABE, Didattica & Progetti, Progetti  Commenti disabilitati su AMGEN BIOTECH EXPERIENCE – ABE site Italy
Ott 032017
 
È stato attivato il corso di formazione “AMGEN BIOTECH EXPERIENCE dell’ABE site Italy”, visibile nel CATALOGO della piattaforma SOFIA del MIUR.
L’identificativo del corso, da inserire nel motore di ricerca, è 6216, anche digitando la parola chiave “AMGEN” si individua facilmente il corso. 

 

Il programma ABE si fonda su una cooperazione tra l’ANISN e la Università Federico II di Napoli ma è parte di un network di prestigiosi ABE sites (http://www.amgenbiotechexperience.com/about/where-we-are) distribuiti essenzialmente negli USA da molti anni, ma da quest’anno anche in Asia, Australia, Singapore, Canada e in pochi paesi Europei. 

L’ABE site Italy ha il privilegio di essere gemellato con l’ABE site Massachussetts della HARVARD University.

Il corso è gratuito ed è rivolto nell’anno scolastico 2017 – 2018 a docenti della scuola secondaria di II grado delle regioni Campania, Umbria, Lazio e Puglia, che abbiano esperienze di ricerca scientifica o formazione didattica nell’ambito delle biotecnologie. Dettagliate informazioni relative ai requisiti di ammissione e criteri di selezione delle candidature sono presenti sulla piattaforma SOFIA e sono riportati come allegato a questo articolo.

Il 6 Novembre dalle 14.30 alle 18.30 si è tenuto, presso l’Università di Napoli, l’evento di lancio al quale parteciperà, tra gli altri il rettore dell’Università Federico II, rappresentanti del MIUR e USR e la responsabile dell’ABE site di HARVARD.
Ci sono state testimonianze di due docenti e tre studenti coinvolti nella fase pilota. La partecipazione di dirigenti, docenti e gruppi di studenti è gratuita ma va comunicata a info.abesiteitaly@anisn.it.
Il programma dell’ ABE site Italy prevede la formazione in presenza, dal 15 al 18 gennaio 2018 dei 24 docenti selezionati in base ai requisiti richiesti (di cui 12 docenti dalla regione Campania e 12 dalle regioni del Lazio, Umbria e Puglia), la sperimentazione a scuola con alunni del triennio, la fornitura gratuita di materiali e strumentazioni per realizzare le attività

 

La  scadenza per l’invio della candidatura è il 30 novembre.
L’ammissione al corso sarà comunicata l’ 8 dicembre. 
 

Per informazioni: info.abesiteitaly@anisn.it

Allegati:

Geosciences Information For Teachers (GIFT) workshop – EGU 2018

 Concorsi  Commenti disabilitati su Geosciences Information For Teachers (GIFT) workshop – EGU 2018
Ott 032017
 
Vi comunichiamo che da oggi è possibile presentare la candidatura per la partecipazione al Geosciences Information For Teachers (GIFT) workshop – EGU 2018.
 
Il tema del workshop GIFT 2018 è “Major events that shaped the Earth”.
Cliccando sul link https://www.egu.eu/news/354/educators-apply-now-to-take-part-in-the-2018-gift-workshop/ è possibile visualizzare informazioni sul GIFT 2018.
 
Ogni anno l’EGU (European Geosciences Union) organizza il workshop GIFT nell’ambito di uno dei congressi più importanti che si svolgono in Europa nell’ambito delle Geoscienze.
 
Il GIFT (Geosciences Information For Teachers) è dedicato all’aggiornamento di circa 80 insegnanti provenienti da diverse parti del mondo (prevalentemente Europa). La finalità del GIFT è quella di mettere a contatto diretto il mondo della scuola e il mondo della ricerca e di fornire agli insegnanti un aggiornamento sui temi più attuali delle Scienze.
Il GIFT 2018 si terrà ancora una volta a Vienna (Austria) presso l’Austria Center, dal 9 all’11 Aprile 2018.
Agli insegnanti selezionati sarà dato un contributo economico (400 euro per l’edizione passata) per coprire le spese di viaggio e di alloggio (l’iscrizione al workshop è gratuita per gli insegnanti selezionati), secondo regole che verranno successivamente comunicate.
 
Le informazioni su come sottomettere la candidatura sono disponibili all’indirizzo https://static.egu.eu/static/latest/gift/gift_2018_major_events_that_shaped_the_earth.pdf
 
La candidatura dovrà essere spedita entro il 26 Novembre 2017 ai seguenti indirizzi di posta elettronica:
 
A parità di merito, precedenza sarà data agli insegnanti che non hanno mai partecipato ad alcuna edizione passata.
 
Ricordiamo che, in virtù di un protocollo d’intesa tra GIFT-EGU e Associazione Nazionale degli Insegnanti di Scienze Naturali, il GIFT viene riconosciuto dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca come attività di formazione per gli Insegnanti.
 
Allegati:

Insegnare e apprendere le scienze con l’IBSE – Inquiry Based Science Education

 Didattica & Progetti, Programma SID  Commenti disabilitati su Insegnare e apprendere le scienze con l’IBSE – Inquiry Based Science Education
Set 102017
 

“INSEGNARE E APPRENDERE LE SCIENZE CON L’IBSE – corsi IBSE-ANISN”  2017-2018

Sono stati pubblicati su piattaforma S.O.F.I.A. i corsi di formazione IBSE per il Programma IBSE-ANISN 2017-2018.

Per prendere visione dei corsi  programmati ed eventualmente iscriversi, bisogna accedere al catalogo della piattaforma SOFIA, all’indirizzo https://governance.pubblica.istruzione.it/PDGF, e digitare nel motore di ricerca dei corsi il codice 15 (Identificativo del corso “INSEGNARE E APPRENDERE LE SCIENZE CON L’IBSE”) oppure i singoli identificativi indicati nel quadro generale.

Il criterio di ammissione ai corsi sarà l’ordine cronologico delle iscrizioni.

Di seguito il quadro generale e i programmi delle singole edizioni.

Quadro generale
Programmi edizioni

A proposito di Open Data e del PNSD

 @nisninforma, La nuova scuola  Commenti disabilitati su A proposito di Open Data e del PNSD
Set 012017
 

ASOC 2016-17: La Sardegna diventa “Best practice”

Da un contesto locale ad una consapevolezza Europea con ASOS e il progetto sul Porto “Janna de Mare”

Costantina Cossu
Ambassador Scientix Italy, Istituto Istruzione Superiore E Fermi, Alghero (SS)
c.tina@tiscali.it

Introduzione

Partendo dal presupposto che l’accesso ad Internet sia un diritto fondamentale della persona in quanto dimensione essenziale per la società, per la crescita, il libero confronto e condivisione della conoscenza. mi domando ma la scuola è nelle condizioni di istituire percorsi di “cittadinanza digitale”?. Percorsi e progetti per educare i giovani all’uso positivo e consapevole dei media e di internet? Percorsi di information literacy, di lettura, scrittura e collaborazione in ambienti digitali ? Dopo l’esperienza ASOC che parte dalla conoscenza e analisi degli Open Data, rispondo si, perché ha permesso la comprensione e l’uso dei dati facendo riferimento all’open government, al monitoraggio civico e al data journalism.

Cos’è ASOC?

ASOC è l acronimo di “A Scuola di Open Coesione” il progetto innovativo di didattica sperimentale rivolto alle scuole secondarie superiori di ogni tipo, che promuove principi di cittadinanza attiva e consapevole realizzando attività di ricerca e monitoraggio civico dei finanziamenti pubblici attraverso l’impiego di innovative tecnologie di informazione, comunicazione e Data Journalism, lo sviluppo di competenze digitali e l’uso dei dati in formato aperto (Open Data), per aiutare gli studenti a conoscere e comunicare, con l’ausilio di tecniche informatiche, statistiche e giornalistiche, come le politiche pubbliche, e in particolare le politiche di coesione, intervenendo nei luoghi dove vivono.

I numeri

L’edizione 2016-2017 ha visto una crescita esponenziale con la partecipazione di ben 196 scuole, con circa 5.000 studenti, 350 docenti e con la collaborazione attiva di 30 antenne Europe Direct e di 60 Associazioni “Amici di ASOC”.

Anno Scuole Studenti Docenti Antenne Europe Direct Associazioni
2016/17 196 5000 350 30 60
2015/16 120 2500 150 28 63
2014/15 86 1000 90 np np
2013/14 7 150 9 np np

La community delle scuole ASOC si è notevolmente accresciuta nel tempo. Un patrimonio di esperienze e conoscenze dove interagiscono studenti e docenti che hanno partecipato alle precedenti edizioni di ASOC, referenti Europe Direct, esponenti delle Associazioni, esperti di politiche di coesione, monitoraggio civico, open data, comunicazione e la società civile.

I riconoscimenti

Il progetto ASOC è citato nel Piano Nazionale Scuola Digitale del MIUR come buon esempio di progetto di monitoraggio civico e data-journalism in grado di implementare l’uso attivo delle dinamiche tecnologiche e online.

ASOC, inoltre, ha ricevuto ampio risalto come best practice internazionale per l’utilizzo degli open data in ambito didattico nel volume “Open Data as Open Educational Resources”, pubblicato online da Open Knowledge Foundation (OKFN), la fondazione internazionale non profit che promuove l’accesso libero alla conoscenza attraverso l’apertura dei dati e delle informazioni.

A Scuola di OpenCoesione è anche al centro di due importanti ricerche: una condotta dall’Università Cattolica di Milano nell’ambito del Laboratorio sulla valutazione delle politiche IMPACT e finalizzata a misurare la civicness degli studenti come insieme di competenze utili all’esercizio della cittadinanza attiva, e una promossa da Open Government Partnership e realizzata da Parliament Watch Italia, dedicata a OpenCoesione e alle iniziative correlate A Scuola di OpenCoesione e Monithon.

Cosa si impara con A Scuola di OpenCoesione?

Il percorso didattico

ASOC unisce educazione civica, competenze digitali, storytelling, competenze trasversali quali sviluppo di senso critico, problem-solving, lavoro di gruppo e abilità interpersonali e comunicative per produrre narrative d’impatto a partire dai dati sugli interventi finanziati dalle politiche di coesione.

Il percorso didattico è articolato in 5 lezioni, una visita di monitoraggio civico, la partecipazione attiva all’evento internazionale Open Data Day, un evento pubblico finale. La didattica prevede modalità di fruizione di contenuti online (tipo MOOC) e lavoro di gruppo project-based attraverso l’utilizzo di tecnologie, strumenti di condivisione online, blog, social network (figura 1).

Nell’edizione 2016-2017, le scuole hanno potuto scegliere di utilizzare il percorso didattico ASOC come contenuto delle attività di alternanza scuola-lavoro.

Fig.1 – Le fasi del percorso didattico.

Janna de Mare

Gli alunni della classe 3°A ad indirizzo tradizionale del Liceo Scientifico Enrico Fermi di Alghero si sono occupati del Porto, elemento indispensabile per lo sviluppo economico del territorio. Hanno chiamato il loro progetto Janna de Mare, in italiano “porta del mare”: hanno analizzato i lavori di completamento e razionalizzazione del porto di Alghero, programmati da Aprile a Luglio 2015 e mai realizzati. Con caparbietà sono andati a  ricercare le ragioni del mancato inizio dei lavori cercando di coinvolgere le istituzioni politiche a livello locale e regionale e tutta la collettività.

Alghero è una meravigliosa città che fonda la propria economia sul turismo, perciò, per migliorare questo aspetto, in un periodo di crisi come quello attuale, abbiamo scelto di orientare la nostra ricerca sul potenziamento dei traffici marittimi. E’ un argomento molto dibattuto dai giornali locali e caro ai cittadini, perché garantirebbe il disgelo dell’economia locale incrementando l’indotto. Dalle ricerche fatte su internet e grazie ad tanti incontri con enti locali, il loro team Janna De Mare ha scoperto la storia travagliata di questo progetto, che va avanti da molti anni senza alcun risultato. Ne hanno ricostruito tutto l’iter coinvolgendo in modo attivo tutta la comunità.

https://www.youtube.com/watch?v=fEcjoukTVwE
http://www.ascuoladiopencoesione.it
http://www.sardegnaprogrammazione.it/index.php?xsl=1384&s=321831&v=2&c=7455&vd=1

FISV Days

 Eventi  Commenti disabilitati su FISV Days
Ago 182017
 

La FISV (Federazione italiana Scienze della Vita) organizza due interessanti iniziative: i FISV days  a Roma e a Torino ed il  progetto:presenta il tuo lavoro di gruppo in cui  è prevista la partecipazione  di scuole di tutta Italia

 I FISV Days sono giornate formative e di divulgazione scientifica organizzate dalla Federazione Italiana Scienze della Vita (FISV), che raccoglie 14 Società Scientifiche affiliate con oltre 5000 scienziati operanti nel campo delle Scienze della Vita (www.fisv.it).  Si articolano in una serie di mini conferenze, della durata di 15 minuti ciascuna, tenute da relatori di elevato spessore scientifico provenienti da Università ed enti di ricerca italiani. I FISV Days sono rivolti agli studenti dal IV anno delle Scuole Superiori in poi e, in generale, coinvolgono un pubblico di “non addetti ai lavori” affrontando in modo semplice e facilmente accessibile i temi più dibattuti nell’ambito delle Scienze della Vita. La partecipazione è gratuita ed aperta a tutti previa prenotazione, che può avvenire inviando un’ e-mail a  segreteria@fisv.org entro il 15 ottobre 2017.

Le Scuole che aderiscono ai FISV Days potranno presentare un lavoro di gruppo, da realizzare attraverso un breve video, su un argomento da scegliere tra le seguenti tematiche:

FISV Days Roma

  1. Riusciremo a vincere la guerra contro il cancro?
  2. Scusa, mi correggi il genoma?

FISV Days Torino

  1. ll doping e i rischi per la salute
  2. Cibo sano, sicuro e per tutti

I video più rappresentativi saranno premiati durante i FISV Days e pubblicati sul sito web dell’evento.

I video dovranno essere inviati a: segreteria@fisv.org entro il 30 ottobre 2017.

Per conoscere le modalità di presentazione dei video e consultare le schede di approfondimento per facilitare il lavoro di gruppo, visitate la pagina dedicata:

http://ww.fisv.org/fisv-days-2017

Per ulteriori informazioni:

Coordinamento Rapporti con le Scuole Donatella Capone – donatella.capone@fisv.org

Locandina

Modulo adesione

FieraDidacta Italia

 Eventi  Commenti disabilitati su FieraDidacta Italia
Ago 182017
 

Si terrà presso la Fortezza da Basso a Firenze, dal 27 al 29 settembre 2017, FieraDidacta Italia, la prima edizione italiana di Didacta International, il più importante appuntamento fieristico dedicato all’istruzione che si tiene in Germania da oltre 50 anni. La Fiera avrà una parte espositiva, ma ci saranno anche momenti di formazione e workshop per gli insegnanti. Docenti, dirigenti scolastici e operatori del settore potranno accedere non solo agli spazi espositivi, visitando i numerosi stand delle aziende leader della filiera scolastica, ma anche al ricco programma di workshop curati dall’INDIRE – partner scientifico di Fiera Didacta Italia – e tenuti nelle sale modulari all’interno dei padiglioni.

Fiera Didacta è inserita dal MIUR tra gli eventi previsti dal piano pluriennale di formazione. Per i docenti o dirigenti scolastici interessati al programma degli oltre 85 workshop, Didacta ha appositamente creato una sezione docenti in cui approfondire l’offerta formativa dell’evento. È possibile partecipare scegliendo fra due percorsi formativi:

Percorso IUL-Didacta, che consente di ottenere il riconoscimento di 1 CFU (crediti formativi di livello universitario) frequentando 3 workshop e usufruendo della formazione a distanza e dell’assistenza dei tutor di IUL. A questa modalità formativa è possibile iscriversi anche con la Carta del Docente.

Percorsi di Formazione Docenti in Servizio, che consente di ottenere UFC (unità formative certificate), frequentando 4 workshop del programma.

L’ANISN e le Olimpiadi delle Scienze Naturali partecipano a FieraDidacta con un intervento tenuto giovedì 28 settembre dal Responsabile Nazionale Prof. Vincenzo Boccardi  e dagli Alumni (ex partecipanti alle Olimpiadi) Francesca Corti e Simone Potenti.

Per saperne di più

http://fieradidacta.indire.it/

Geosciences: a tool in a changing world

 Eventi  Commenti disabilitati su Geosciences: a tool in a changing world
Ago 182017
 

A Pisa dal 4 al 6 settembre 2017 si terrà il 2° Congresso congiunto di: Società Italiana di Mineralogia e Petrografia, Società Geologica Italiana, Associazione Italiana di Vulcanologia e Società Geochimica italiana.

La sessione P39 “Geoscienze a scuola 2017” si rivolge a insegnanti e ricercatori che vogliono mantenere attiva la sinergia tra scuola e università, musei ed enti di ricerca per far crescere nelle nuove generazioni la sensibilità per l’ambiente e il territorio. Con questo fine, la sessione è dedicata a presentare e discutere approcci e metodi innovativi, anche comprendenti l’impiego di tecnologie digitali, per l’insegnamento delle Scienze della Terra nelle scuole secondarie e per la divulgazione scientifica. La sessione presenterà esperienze di percorsi didattici su argomenti di Scienze della Terra, in particolare derivanti dalla collaborazione tra scuola, università, musei di storia naturale e enti di ricerca ed esempi di buone pratiche nella formazione per insegnanti di scienze. Per tutti gli insegnanti e i ricercatori, in particolare coloro che sono stati coinvolti nel Programma Nazionale Lauree Scientifiche per la geologia, questa sarà l’occasione di presentare e discutere le esperienze e i risultati ottenuti.

Per gli insegnanti la partecipazione alla sessione “Geoscienze a scuola 2017”, che si terrà nel pomeriggio di mercoledì 6 settembre, è gratuita.

È sufficiente registrarsi dal sito del congresso: http://www.geosciences.it/pisa2017/index.php
Ci si può iscrivere anche attraverso la  piattaforma SOFIA.

L’Italia alle IBO 2017

 Olimpiadi & Giochi, Olimpiadi Internazionali di Biologia – IBO  Commenti disabilitati su L’Italia alle IBO 2017
Lug 302017
 

Al termine di un’intensa settimana, densa di cerimonie, visite guidate, eventi, prove pratiche e teoriche, si è conclusa la 28esima edizione delle Olimpiadi Internazionali di Biologia (IBO), che quest’anno si sono tenute presso l’Università di Warwick a Coventry (Regno Unito).

Più di 60 squadre di ragazzi, da altrettanti Paesi diversi del mondo (dal Sudafrica all’Islanda, dal Giappone al Portogallo…) hanno preso parte alla manifestazione, in cui i partecipanti si sono cimentati in tre prove pratiche (Biochimica, Fisiologia dello Sviluppo e Botanica) e due prove teoriche che, con 92 quesiti, spaziavano su un grande numero di argomenti della Biologia: optogenetica, ecologia, evoluzione, etologia, fisiologia animale e vegetale, solo per nominarne alcuni.

La delegazione italiana era composta dalla squadra dei quattro studenti (vincitori della Fase Nazionale delle Olimpiadi delle Scienze Naturali – Triennio Biologia) Mariastella CasconeMarco MagnoJacopo Del Deo e Luca Fusar Bassini, e dai membri della giuria Isabella MariniAnna Pascucci e Giorgio Bianchini.

Mentre i ragazzi, affidati a Keith Chester Dacanay (guida del team italiano e di quello neozelandese), erano impegnati in varie attività culturali, i giurati di tutto il mondo si sono occupati di tradurre dall’inglese (lingua ufficiale) le prove che sono poi state affrontate nei giorni seguenti dagli studenti.

In questo ambiente molto competitivo, la squadra italiana è riuscita ad ottenere tre medaglie di bronzo (Jacopo, Mariastella e Marco) e una menzione di merito (Luca).

Ma, al di là dei risultati tangibili, quello che si porta a casa è molto di più: l’aver passato una settimana in un ambiente stimolante, di competizione sana, con persone provenienti da tutto il mondo, è un’esperienza di arricchimento culturale e personale impareggiabile: i rapporti che si creano hanno il potenziale, se alimentati opportunamente, di durare molto a lungo. L’augurio per i ragazzi è quindi quello di riuscire a portare sempre con sé un pezzetto di questa esperienza, di rimanere in contatto, di continuare questi scambi anche al di fuori dell’ambiente della manifestazione.

Le IBO sono un successo perché sono il risultato, tra alti e bassi, di una cooperazione internazionale che dura ormai da quasi trent’anni: la possibilità di conoscere davveropersone che provengono da culture e impostazioni diverse, senza il filtro dei mezzi di comunicazione, consente di apprezzare il fatto che, se collaboriamo tutti insieme, possiamo realmente ottenere grandi risultati di cui beneficiare tutti.

Il confronto tra i diversi modi di insegnare le Scienze nei vari Paesi, che si è svolto, oltre che con le prove, con la “Education session” (in cui i membri della giuria raccontano l’approccio del loro Paese all’insegnamento delle Scienze), è un’opportunità unica per presentare i successi della scuola italiana e per prendere spunto dalle storie di quelli del resto del mondo.

L’Italia partecipa alle IBO dal 2008 grazie all’impegno dell’infaticabile squadra dell’Associazione Nazionale Insegnanti di Scienze Naturali, che organizza le Olimpiadi delle Scienze Naturali a livello regionale e nazionale, e al supporto del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, dell’Università Humanitas di Milano e della casa editrice Zanichelli.

La 29esima edizione delle IBO si terrà il prossimo anno, dal 15 al 22 luglio, a Teheran, in Iran.

Nella foto, da sinistra a destra, Giorgio Bianchini, Luca Fusar Bassini, Keith Chester Dacanay, Jacopo Del Deo, Mariastella Cascone, Marco Magno, Isabella Marini e Anna Pascucci.