Admin

Attivato FAST, un enorme orecchio cosmico

 Scienze della Terra e del Cielo  Commenti disabilitati su Attivato FAST, un enorme orecchio cosmico
Dic 112016
 

La Cina ha acceso il radiotelescopio più grande del mondo. Con un diametro 50 metri occupa un’area grande quanto 30 campi di calcio, tra le montagne della contea di Pingtang, nella provincia sud-occidentale del Guizhou. Il nome dell’enorme orecchio cosmico è FAST (Five- hundred-meter Aperture Spherical Telescope). Il suo obiettivo è quello di sondare le profondità più remote dell’universo in cerca di tracce di vita nelle lontane galassie: da molecole organiche vaganti nello spazio, fino ad eventuali segnali di civiltà aliene. Ideato nel 1994 ha avuto l’approvazione del governo cinese solo nel 2007. La sua costruzione è iniziata nel marzo 2011 e solo dopo cinque anni, nel settembre 2016, è entrato finalmente in funzione. La parabola del telescopio cinese supera di ben 200 metri quella del radiotelescopio di Arecibo di Portorico. Per costruire il Fast ci sono voluti 4450 pannelli, e circa 160 milioni di euro. Durante la costruzione del telescopio si è resa necessaria l’evacuazione di oltre 9000 residenti della provincia di Guizhou per motivi di sicurezza. Fast sarà all’avanguardia, per almeno 10 o 20 anni, ha dichiarato Yan Jun, direttore dell’Osservatorio Nazionale della Cina. Ora si aspetta solo che tanto lavoro sia ricompensato da qualche segnale che  arrivi dalle profondità del cosmo. Noi siamo pronti  … siamo in ascolto!

Per saperne di più:

www.repubblica.it/…/la_cina_va_a_caccia_di_alieni_con_il_super_telescopio_scienziati

wwww.galileonet.it/2016/07/cinaradio-telescopio-grande-mondo/ww.ansa.ii

www.galileonet.it/2016/07/cinaradio-telescopio-grande-mondo/

 Posted by at 12:41

Crispr-Cas9 nella cura di un tumore polmonare

 Biologia  Commenti disabilitati su Crispr-Cas9 nella cura di un tumore polmonare
Dic 112016
 

Per la prima volta in Cina, come riportato da Nature del Novembre 2016, è stata applicata sull’uomo, la tecnica Crispr-Cas9 (taglia e incolla) nella cura di un tumore polmonare. Lo scorso 28 ottobre 2016, l’oncologo Lu You, dell’Università di Sichuan a Chengdu, ha sottoposto ad un semplice prelievo di sangue un paziente affetto da neoplasia polmonare. Separate alcune cellule del sistema immunitario, e modificato con la tecnica Crispr-Cas9 il loro genoma, esse sono state reinserite nello stesso individuo. In questo modo è stato possibile disattivare una proteina che agisce da freno per l’attività di difesa delle cellule immunitarie, rendendole più aggressive nei confronti del tumore. Adesso bisogna aspettare i risultati e considerando le molte difficoltà non solo tecniche, ma anche etiche che si sono dovute superare, c’è solo da augurarsi che gli esiti di questa prima sperimentazione siano positivi. All’università del Sichuan, sono in attesa dello stesso trattamento altri 10 pazienti che riceveranno fino a quattro iniezioni di cellule immunitarie modificate, e verranno seguiti per sei mesi, per controllare i risultati ottenuti e gli eventuali effetti collaterali. Per il prossimo anno sono previsti interventi su pazienti affetti da tumore alla vescica, prostata e rene. La corsa all’utilizzo della nuova e rivoluzionaria tecnica genetica vede quindi la Cina vincente sugli Stati Uniti, dove le remore di carattere etico non hanno ancora permesso la realizzazione del primo esperimento sull’uomo.

Per saperne di più:

www.anisn.it (Il sistema Crispr-Cas9)

Anisn news gennaio 2016

 www.nationalgeographic.it/scienza/medicina/…/primo_paziente_crispr_tumori-3316825

 www.swissinfo.ch/ita/cina–in-agosto-primo-taglia-incolla-dna…/42320622

 Posted by at 12:40

Summer school matter: future materials in science education

 Eventi  Commenti disabilitati su Summer school matter: future materials in science education
Dic 012016
 

momLa summer school si svolgerà  alle Piane di Mocogno (MO) dal 21 al 26 agosto 2017, rivolta a docenti di materie scientifiche di tutta Europa.

La summer school e’ organizzata a conclusione del progetto triennale 2014-2017 Erasmus + KA2 ” MoM -MATTERS OF MATTER: FUTURE MATERIALS IN SCIENCE EDUCATION”  di cui l’Istituto IIS Cavazzi-Pavullo e’ capofila

La scadenza per la preregistrazione  è il 31 gennaio 2017 con modalità first in first served pur garantendo un giusto equilibrio tra partecipanti italiani e stranieri.

Dopo tale data saranno accettate domande solo in caso di posti ancora disponibili. Per ulteriori informazioni clicca qui

Allegati:

 Posted by at 10:12

Settima Edizione della Scuola di Paleoantropologia

 Eventi  Commenti disabilitati su Settima Edizione della Scuola di Paleoantropologia
Dic 012016
 

Stampa

Prorogata al 15 gennaio la scadenza per l’iscrizione al I° livello della Scuola di Paleoantropologia di Perugia.

Avrà luogo a Perugia dal 20 al 25 Febbraio 2017 la Settima Edizione della Scuola di Paleoantropologia. Le lezioni si terranno da lunedì 20/02 a venerdì 24/02/2017 presso il Dipartimento di Fisica e Geologia dell’Università di Perugia, in Piazza Università. Per ciascuna giornata, le lezioni/laboratori avranno una durata complessiva di 8 ore . 

Il modulo d’iscrizione alla Scuola (allegato in coda alla  Circolare e scaricabile dal sito www.paleoantropologia.it/download), debitamente compilato, dovrà essere inviato entro le ore 12:00 del 15 Gennaio 2017.

 Posted by at 10:05

Convegno ANISN Palermo

 Dalle sezioni  Commenti disabilitati su Convegno ANISN Palermo
Nov 222016
 

Il Convegno della sezione ANISN di Palermo organizzato per festeggiare degnamente i 30 anni della sezione in collaborazione con l’Università di Palermo,  si è svolto dal 27 al 29 ottobre e si è concluso con un vero  successo. Il tema del curricolo verticale legato all’innovazione didattica e al passaggio dal macroscopico al microscopico si è rivelato di grande efficacia, più di 100 i partecipanti

In allegato un resoconto anche fotografico dell’evento.

 Posted by at 10:15

Incontro ravvicinato con un asteroide minaccioso

 Scienze della Terra e del Cielo  Commenti disabilitati su Incontro ravvicinato con un asteroide minaccioso
Nov 042016
 

Nella notte tra l’8 e il 9 settembre 2016, la sonda della NASA OSIRIS-Rex, (Origins, Spectral Interpretation, Resource, Identification, and Security-Regolith Explorer) è partita da Cape Canaveral per un incontro ravvicinato con l’asteroide Bennu, diametro 0,5 Km. Il contatto avverrà nell’agosto 2018, mentre per il 2020 è previsto il carotaggio della superficie, operazione che durerà solo 5 secondi! La missione terminerà nel 2023, con il recupero del materiale racchiuso in una capsula che sarà prelevata nel deserto dello Utah. Si tratta di un asteroide molto interessante per varie ragioni. Innanzitutto la sua composizione è carboniosa, a differenza della maggior parte di questi corpi vaganti che hanno una struttura metallica e rocciosa. In secondo luogo, l’orbita di Bennu prevede un suo avvicinamento alla Terra ogni sei anni, con un apogeo di 340 milioni di Km (compie un’orbita intorno al Sole ogni 1,2 anni, con una velocità di 28 Km/s). Gli astronomi hanno calcolato che nel 2135 Bennu passerà a soli 300.000 Km dal nostro pianeta! Se la sua traiettoria dovesse essere deviata per qualche motivo, si potrebbe verificare un disastroso impatto con la Terra sul finire del XXII secolo. Il nome dell’asteroide deriva da quello dell’antica divinità egiziana, un uccello mitologico simbolo della rinascita dopo la morte, e quindi dell’eternità della vita. E a proposito di vita, uno degli scopi della missione OSIRIS-Rex è quello di cercare tracce di composti organici inalterati. L’altro è di verificare possibili variazioni dell’orbita di Bennu, considerato che dal 1999 l’orbita dell’asteroide ha deviato di circa 160 Km. Principale responsabile di questa deviazione è l’effetto Yarkovsky, dal nome dell’ingegnere russo Ivan Osipovich Yarkowsky (1844-1902). Si tratta di un effetto dovuto alla radiazione solare che riscalda la faccia di un corpo rivolta verso il Sole più di quella opposta. Il calore riemesso dalla parte più calda genera una emissione termica che provoca variazioni, sia del moto di rotazione, sia del percorso orbitale dell’asteroide.

Per saperne di più:

Dante S. Lauretta: Il volo sonda OSIRIS-Rex verso l’asteroide Bennu. Le scienze, ottobre 2016, N°578

OSIRIS-REx Mission Selected for Concept Development

NASA Aims to Grab Asteroid Dust in 2020

NASA to Launch New Science Mission to Asteroid in 2016

 Posted by at 22:31

Festeggiamenti nella sezion ANISN FVG

 Dalle sezioni  Commenti disabilitati su Festeggiamenti nella sezion ANISN FVG
Nov 042016
 

La sezione ANISN del Friuli-Venezia Giulia festeggia a Trieste, nel Centro Didattico naturalistico di Basovizza, Guido Narduzzi e Marcello Fonda che si sono classificati ai primi posti nelle olimpiadi nazionali e internazionali come si legge nell’articolo del Piccolo di Trieste : http://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cronaca/2016/11/02/news/triestino-talento-della-scienza-premiato-a-basovizza-1.14349476

 Posted by at 22:24

Dietro le Quinte dei Licei Scientifici

 Dalle sezioni  Commenti disabilitati su Dietro le Quinte dei Licei Scientifici
Nov 012016
 

Corso intensivo residenziale di formazione per i docenti di Scienze Naturali dei Licei Scientifici

progetto sperimentareLa Scuola Normale Superiore, nell’ambito del progetto SNS-MIUR Sperimentare e Formare e in collaborazione con l’ANISN Pisa organizza un corso di formazione per gli insegnanti di Scienze dei Licei Scientifici di tutta Italia.

Il corso si svolgerà nei giorni 28-29-30 novembre e 1-2 dicembre 2016 presso la Scuola Normale Superiore; i lavori inizieranno nel primo pomeriggio del 28 novembre e si concluderanno nella tarda mattinata del 2 dicembre.

Per avere notizie sul corso ed iscriversi http://www.sns.it/scuola/attivit%C3%A0-culturali/corso-intensivo-residenziale-di-formazione-i-docenti-di-scienze-naturali-dei-licei-scientifici-progetto-miur-sns

Responsabile del Corso: Isabella Marini, presidente ANISN Pisa, marini.isabella@gmail.com

STAMPA_pieghevole-CORSI_28_NOV-2 DIC_2016

 Posted by at 22:40